Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Apus » 21/05/2014, 11:21

Premessa: ho trovato la regina a Modena intorno al 20 settembre 2012 praticamente sotto casa in una tiepida notte.
In quell’occasione ho raccolto circa 15 regine.
Metà di queste sono state regalate a Entomodena di aprile 2013.
Tra parentesi se qualcuno che le ha prese in quell’occasione le ha ancora mi faccia sapere come stanno le mie figliocce.

Di quelle rimaste, un paio sono morte, una non ha deposto, una l’ho regalata e altre tre sono ancora con me.

Ecco il diario della colonia più numerosa:

La regina trovata a Modena il 20 settembre 2012 ha svernato dentro la provetta d’ordinanza.

A primavera 2013 ha iniziato a deporre e ben presto il numero di operaie è aumentato.

A giugno ho aperto la provetta in una mini arena così:

Immagine
Mini-arena di Federico Capitani, su Flickr

La colonia in questo assetto è venuta pure in vacanza con me :).

A settembre 2013 ho messo la provetta in un terrario piccolo con un fondo di ghiaia (di cui non ho fatto foto…).
Avevano a disposizione un tronchetto di albicocco scavato da me con le sgorbie da legno e con copertura in vetro.
In un paio di giorni la colonia ci si è trasferita.
Le operaie erano circa un centinaio.

Prima dell’inverno sono diventate circa 150-200.
L’inverno è stato in parte passato in casa e poi da gennaio in diapausa in garage a temperature più basse, sui 10 °C.

All'arrivo dei primi caldi, verso marzo 2014 ho trasferito il tronchetto con tutta la colonia in un terrario più grande.

Questo:
Immagine
Arena di Federico Capitani, su Flickr

La nuova arena è circa 40x35 cm, con fondo di gesso.
Per naturalizzarla, dopo la colata ho spolverato il gesso con sabbia di fiume e qualche sassolino.
Ho aggiunto alcuni pezzi di legno presi in spiaggia e solo dopo qualche rametto con licheni gialli.
L’antifuga usato è olio di vasellina mischiato a olio pulito per motori a due tempi.
Ho sfruttato il gradino presente nella scatola a pochi cm dal bordo superiore. Nessuna fuga!

All'inizio le operaie sembravano un po' annoiate ma poi quando ho aggiunto i rametti coi licheni hanno iniziato a percorrerli avanti e indietro con gusto: si vede che sono arboricole ;) !

Ora, a maggio 2014, sono circa 250 con tantissime pupe pronte a diventare operaie agguerrite.
Penso che nel giro di un mese la colonia raddoppierà.
Inoltre le deposizioni di uova si susseguono a ritmo frenetico.
Insomma, la quiete prima dell’esplosione demografica!

Ecco alcune foto!

Visione di insieme del formicaio dentro il tronchetto intagliato:
Immagine
Formicaio in tronchetto di Federico Capitani, su Flickr

Particolare del formicaio con regina:

Immagine
Formicaio con regina di Federico Capitani, su Flickr

e

Immagine
Formicaio con regina di Federico Capitani, su Flickr

Altro particolare del formicaio con operaie e tante larve:
Immagine
Formicaio di Federico Capitani, su Flickr


Alcune larve accudite dalle operaie, fotografate in digiscoping con lo stereomicroscopio:
Immagine
Formicaio di Federico Capitani, su Flickr

e

Immagine
Larve in digiscoping di Federico Capitani, su Flickr

Qui si vedono i "peletti" delle larve, che permettono di ancorarsi alla superficie interna delle stanze:

Immagine
Larve in digiscoping di Federico Capitani, su Flickr

Una stanza traboccante di pupe, alcune già quasi pronte a diventare operaie a tutti gli effetti:
Immagine
Pupe di Federico Capitani, su Flickr

Particolare:
Immagine
Pupe di Federico Capitani, su Flickr

Infine una foto delle operaie, in digiscoping con stereomicroscopio:
Immagine
Operaie nel tunnel di Federico Capitani, su Flickr
Ultima modifica di Apus il 17/06/2014, 9:29, modificato 3 volte in totale.
Apus

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare - Seneca
Molti non cercano la verità perché hanno paura di trovarla - San Massimiliano Kolbe

Colonie in allevamento:
Crematogaster scutellaris
http://formicarium.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8284

Camponotus vagus in fondazione
Messor capitatus colonia con 15 operaie
Avatar utente
Apus
larva
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 12 mag '11
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda GianniBert » 21/05/2014, 14:07

Molto bello!
Mi piace moltissimo il formicaio nel tronchetto: è la soluzione ideale per visibilità e naturalità, anche più bello delle classiche canne (che fanno il loro dovere! ;) ), anche se immagino ci voglia un po' di tempo e buoni attrezzi per scavarlo ad arte, ma forse l'albicocco è un legno che si adatta.
Come pensi di allargare il nido prossimamente? Aggiungendo un altro tronchetto?
Presto o tardi una colonia così in salute triplicherà la popolazione!!!
Belle anche le foto.

Mi piacerebbe adattare un nido così anche per le Camponotus vagus, ma le dimensioni maggiori e la mia incapacità nel lavorare il legno mi limitano molto... poi mi servirebbe una vasca gigante per metterci il tronco d'albero necessario!
Ma è davvero un bel lavoro!
Hanno già cominciato a scavare il legno per conto loro?
Tienici aggiornati!
Messor capitatus - Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pygmaea + P. xene
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 3988
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda manuel » 21/05/2014, 14:46

Complimenti davvero!
Quoto Gianni nel dire che il tronchetto é fantastico e con una visibilità ottima! (Con una covata simile però dovrai presto aggiungere un intero albero! ;) )
Se mi capiteranno Crematogaster.sp in futuro ti copierò il nido! :smile:
LE MIE COLONIE
Spoiler: mostra
In Allevamento
Camponotus piceus : (regina)+ 17 operaie
Messor structor :(3 regine )+ 500 operaie
Tapinoma.sp :( 6 regine )+ 1000 operaie
Tetramorium.sp : (regina) + 100 operaie
Lasius emarginatus: ( 2 regine )
Avatar utente
manuel
major
 
Messaggi: 1602
Iscritto il: 19 ago '11
Località: Romagna
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Apus » 21/05/2014, 15:13

Ciao Gianni, ciao Manuel!
Come avete ipotizzato, penso di inserire un altro tronchetto identico.
Per il momento non hanno iniziato a scavare ma meglio non metterle in tentazione ;) .

Per quanto riguarda la realizzazione del nido, è più semplice di quel che possa sembrare.
Per scavare le stanze ho usato delle sgorbie da linoleum/legno (che avevo dai lontani tempi delle scuole medie :shock: ) abbastanza piccole.
Tra l'altro funzionano benissimo anche per il gesso.
Vedo che in rete ne vendono per pochi euro.
Queste sono identiche a quelle che ho usato
http://www.ebay.it/itm/SET-DI-SGORBIE-E ... 3f3412bca3
ma le mie sono d'annata ;) .
Poi ho rifinito con una piccola fresa montata sul mini trapano per arrotondare il fondo delle stanze.
Infine con una punta sottile ho scavato i tunnel di collegamento e di uscita.

Piuttosto il problema è realizzare il taglio longitudinale del tronchetto in modo da avere un piano il più orizzontale possibile altrimenti la lastra di vetro non aderisce bene.
Nel mio caso ho usato una segaccia da legno e il lavoro non è venuto proprio perfetto... ma fa lo stesso, le Crematogaster hanno apprezzato ugualmente :)

Vi terrò aggiornati!
Apus

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare - Seneca
Molti non cercano la verità perché hanno paura di trovarla - San Massimiliano Kolbe

Colonie in allevamento:
Crematogaster scutellaris
http://formicarium.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8284

Camponotus vagus in fondazione
Messor capitatus colonia con 15 operaie
Avatar utente
Apus
larva
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 12 mag '11
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Apus » 21/05/2014, 15:34

Ho aggiunto al primo messaggio una foto del tronchetto a più basso ingrandimento, in modo da avere una visione d'insieme della colonia.
Apus

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare - Seneca
Molti non cercano la verità perché hanno paura di trovarla - San Massimiliano Kolbe

Colonie in allevamento:
Crematogaster scutellaris
http://formicarium.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8284

Camponotus vagus in fondazione
Messor capitatus colonia con 15 operaie
Avatar utente
Apus
larva
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 12 mag '11
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda luca321 » 21/05/2014, 16:50

Complimenti!! Bellissima colonia, e davvero, un bel formicaio!

Questo genere mi ha sempre affascinato ma il loro boom demografico mi ha ogni volta, tagliato le gambe nell'iniziare un loro allevamento.

Continua così, seguiremo con interesse e curiosità la tua avventura
IMPORTANTE!



Colonie allevate:
Lasius flavus;Lasius emarginatus;Messor capitatus; Formica sp.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Lasius flavus:
Diario e Foto della colonia
Lasius emarginatus:
Foto della colonia
Avatar utente
luca321
moderatore
 
Messaggi: 2895
Iscritto il: 21 set '11
Località: Bologna
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Sara75 » 21/05/2014, 18:04

Che bell'idea questo formicaio! Oltre ad offrire un ottima visibilità è anche molto naturale e pratico! :clap: :smile:
„L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.“ _Charles Darwin.

http://pikaia.eu/
Avatar utente
Sara75
moderatore
 
Messaggi: 2137
Iscritto il: 12 ott '13
Località: Genova
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda antdoctor » 21/05/2014, 20:55

Bello :D

Ma se il taglio orizzontale non è perfetto le formiche non passano? perchè in giro trovo sempre mezzi tronchetti ma non essendo un taglio perfetto e pensando di non essere in grado di farne uno a dovere, ho sempre lasciato perdere.
colonie attive
1 Messor sp.
1 Messor minor
1 Formica sanguinea
1 Messor barbarus

In fondazione: Myrmicasp
antdoctor
pupa
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 19 ott '11
Località: Stockton-On-Tees, UK
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda antdoctor » 21/05/2014, 21:01

Ah ho capito, in pratica il formicaio è in arena e usano le imperfezioni come uscite secondarie.
colonie attive
1 Messor sp.
1 Messor minor
1 Formica sanguinea
1 Messor barbarus

In fondazione: Myrmicasp
antdoctor
pupa
 
Messaggi: 421
Iscritto il: 19 ott '11
Località: Stockton-On-Tees, UK
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Bremen » 22/05/2014, 0:26

Il problema che ho riscontrato io con un formicaio identico con Temnothorax sp. e Camponotus truncatus è stata l'idratazione in inverno....sono morte tutte e due le colonie per disidratazione...
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2446
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Apus » 22/05/2014, 9:33

antdoctor ha scritto:Bello :D

Ma se il taglio orizzontale non è perfetto le formiche non passano? perchè in giro trovo sempre mezzi tronchetti ma non essendo un taglio perfetto e pensando di non essere in grado di farne uno a dovere, ho sempre lasciato perdere.


Per quanto riguarda il piano di taglio, non era perfettamente orizzontale.
Quando ho appoggiato il vetro non aderiva e da un lato era troppo sollevato rispetto al legno.
Alla fine ho deciso di segare in due il tronchetto. Il taglio trasversale è ben visibile dalle foto.
Poi l'ho riassemblato incollando i due tronconi con la colla a caldo usando un piano orizzontale come base.
Insomma, più difficile da spiegare che da fare ;) .
Alla fine ho ridotto ma non annullato il problema e infatti nella parte in alto a destra si vede bene come le operaie riescano ad uscire.
Ho anche scartavetrato ma ci sarebbe voluta una levigatrice elettrica...

antdoctor ha scritto:Ah ho capito, in pratica il formicaio è in arena e usano le imperfezioni come uscite secondarie.


Usano le imperfezioni come uscite secondarie ma naturalmente ho scavato tunnel laterali di uscita. :smile:
Ultima modifica di Apus il 22/05/2014, 9:49, modificato 1 volta in totale.
Apus

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare - Seneca
Molti non cercano la verità perché hanno paura di trovarla - San Massimiliano Kolbe

Colonie in allevamento:
Crematogaster scutellaris
http://formicarium.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8284

Camponotus vagus in fondazione
Messor capitatus colonia con 15 operaie
Avatar utente
Apus
larva
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 12 mag '11
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Apus » 22/05/2014, 9:47

Bremen ha scritto:Il problema che ho riscontrato io con un formicaio identico con Temnothorax sp. e Camponotus truncatus è stata l'idratazione in inverno....sono morte tutte e due le colonie per disidratazione...


Quello dell'umidificazione potrebbe essere un problema e infatti adesso che la colonia è in una stanza dove la mattina ci sono temperature altissime metto un batuffolo di cotone umido su un lato del formicaio in modo che per capillarità l'acqua in piccole quantità arrivi all'interno. Crea un po' di agitazione ma ve bene lo stesso.
Comunque con le operaie attive l'acqua viene bevuta direttamente dalla provetta.

Piuttosto il problema potrebbe ripresentarsi in inverno come è capitato a Bremen.
Quest'anno sono rimaste in diapausa solo per un paio di mesi e comunque a temperature non così basse: un minimo di attività c'era.
Inoltre erano ancora nel terrario piccolo, chiuso con una lastra di vetro.
Questo probabilmente ha contribuito a mantenere un grado di umidità sufficiente.

Comunque sia è una bella colonia, in salute, con davvero poche morti.
Si vede che la regina è una buona fattrice :queen:
Apus

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare - Seneca
Molti non cercano la verità perché hanno paura di trovarla - San Massimiliano Kolbe

Colonie in allevamento:
Crematogaster scutellaris
http://formicarium.it/forum/viewtopic.php?f=10&t=8284

Camponotus vagus in fondazione
Messor capitatus colonia con 15 operaie
Avatar utente
Apus
larva
 
Messaggi: 285
Iscritto il: 12 mag '11
Località: Modena
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Bremen » 22/05/2014, 10:25

Io pensavo di collegare un futuro formicaio così direttamente ad una provetta, senza tubicini o raccordi, la provetta direttamente incastrata nel legno.
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2446
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda Dorylus » 22/05/2014, 11:10

Intanto complimenti per il nido , davvero molto bello !

Per il fattore umidità ti posso consigliare di tenerle sveglie in inverno , le lasci in casa in attività in modo che vadano tranquillamente a prendere l'acqua da una qualsiasi provetta , non mi preoccuperei della mancata stasi invernale dato che in molte zone d'Italia o in serra queste formiche continuano la loro attività anche se a rilento .

Il problema è che in natura il legno nella stagione invernale rimane sempre umido per le gelate invernali, le continue pioggie e il tasso di umidità elevato quindi non hanno bisogno ne di muoversi ne di lasciare il nido , l'umidificazione avviene in modo involontario .
In allevamento : Camponotus ligniperda, C. cruentatus, C. nylanderi, Formica cunicularia, F. fusca,F. lemani, Polyergus rufescens, Lasius platythorax, Lasius paralienus, Tetramorium caespitum, Temnothorax alienus, T. exilis, T. recedens, Pheidole pallidula
Avatar utente
Dorylus
moderatore
 
Messaggi: 5128
Iscritto il: 11 ott '11
Località: Seveso (MB)
  • Non connesso

Re: Crematogaster scutellaris: diario di Apus

Messaggioda quercia » 22/05/2014, 15:16

Complimenti anche da parte mia

Secondo me il sistema più semplice per trasferirle è:
mettere il vecchio nido nell'arena del nuovo e smontare il vetro. Accellera i tempi ed è indolore
Avatar utente
quercia
major
 
Messaggi: 3597
Iscritto il: 8 mag '11
Località: matera
  • Non connesso

Prossimo

Torna a Crematogaster

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti