Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda atta97 » 08/09/2014, 0:32

Salve a tutti! :)

Dopo più di tre anni in cui seguo il forum assiduamente (pur non contribuendo molto come post scritti, ma assorbendo quanto più possibile dalla lettura di quelli degli altri!), decido anche io di iniziare il mio primo diario, soprattutto per ricevere gli eventuali consigli di chi ne sa molto più di me in questo campo.

Più di un anno dopo il primo esperimento ahimè fallito con una Lasius sp. a giugno 2011, quando mi ero appena avvicinato a questa passione (ma non avevo ancora scoperto il forum, cosa che avverrà approssimativamente a marzo 2012 e che mi aprirà letteralmente le porte di un mondo tanto affascinante, quanto almeno per me all'epoca quasi completamente sconosciuto), il 02/07/2012 attorno alle 14:00 in giardino da mia nonna (giornata caldissima, tanto che moltissime regine dealate erano morte sull'asfalto a causa del caldo), mi trovo in mezzo ad un imponente sciamatura di Lasius emarginatus. Corro a recuperare le provette (che mi portavo sempre dietro già all'epoca :-D) e riesco a catturare due regine. Provo a farle fondare senza metterle al buio per vedere la nascita della colonia in ogni sua fase, cosa che non sembra crear loro alcun tipo di problema.

02 luglio 2012 - Cattura regine (in questo diario parlerò solo di una delle due colonie, l'altra verrà ceduta attorno al 29 aprile 2013 all'utente ane_demi).

26 luglio 2012 - Primi bozzoli.

Spoiler: mostra
Immagine
Situazione al 29/07/2012.


30 luglio 2012 - Affido le due regine a mio zio che si è gentilmente offerto di ospitarle, questo spostamento si rivelerà inutile in quanto le regine con le prime operaie sopravvivono tranquillamente da sole. Anche in questa occasione le Lasius si sono rivelate un genere difficilmente stressabile (altro che le Messor! Ma anche questo lo scoprirò solo più avanti).

10 agosto 2012 - Prime operaie: sono davvero minuscole, sapevo che le operaie di prima generazione sono mingherline, ma non immaginavo che la differenza fosse così marcata (tra l'altro essendo in vacanza mi perdo la nascita delle prime operaie della mia prima colonia :-( ).

14 agosto 2012 - Al rientro della vacanze la situazione è questa: 19 operaie, 3 bozzoli, 10 ca. larve e 10 ca. uova

Spoiler: mostra

Situazione al 15/08/2012.
https://www.youtube.com/watch?v=qXW_aSJJ_U4
Immagine
Situazione al 16/08/2012.


All'inizio dell'autunno quando sono solo una 30ina, preso dall'entusiasmo, le trasferisco in un formicaio in gesso variante 2. Commetto due errori in questa fase:

- le gallerie non sono state scavate dopo aver fatto la colata, ma sono state ricavate creando il negativo delle stesse in pasta di sale (tra l'altro questa è l'unica idea che non ho preso dal forum :roll:). Conseguenze infauste: in un materiale come il gesso, soggetto normalmente all'insorgenza di muffe varie, già poche ore dopo il riempimento d'acqua della camera sul fondo per ricreare la giusta umidità nel formicaio, si è sviluppata una sorta di "foresta" costituita da ogni tipo di muffa;
- la colonia era ancora troppo piccola per un formicaio, ma anche in questo caso la grande resistenza allo stress di questa specie mi ha salvato da una potenziale catastrofe. Le formiche, che evidentemente si sentivano troppo vulnerabili con tutto quello spazio a disposizione, in pochi giorni hanno chiuso il passaggio che portava alle altre stanze e hanno ristretto l'ingresso creando un accumulo di schegge di gesso e di tutta la muffa che sono riuscite ad estirpare dalla camera che occupavano. La muffa, comunque, sembra non aver mai dato alcun tipo di fastidio alle abitanti.
(Purtroppo non riesco più a trovare le foto della colonia appena trasferita...)

Ottobre - metà marzo ca. la colonietta resta ad una temperatura compresa tra 10 e 15°C a cui si blocca quasi completamente, le operaie torneranno a foraggiare in arena solo quando la temperatura inizierà ad alzarsi un po'.

19 marzo 2013 - 35 operaie, 60-80 larve di varie dimensioni.

Spoiler: mostra
Immagine
Situazione al 20/03/2013.
Immagine
Particolare larve al primo stadio 04/04/2013.
Immagine
Larve già "riattivate" al 04/04/2013.


23 aprile 2013 - Primi bozzoli della stagione

Spoiler: mostra
Immagine
Situazione al 23/04/2013.

Piccolo video del 29/04/2013.
https://www.youtube.com/watch?v=i1qVLqWyHO0


16 maggio 2013 - La colonia è ora nel pieno dell'attività e la gran quantità di larve da sfamare rende le operaie molto attive. Tutto quello che viene messo in arena viene assaltato in massa e portato alla famelica prole.

Spoiler: mostra
ImmagineImmagine
Situazione al 16/05/2013.
Immagine
Operaie all'assalto del corpo di una falena (rimuovo in anticipo zampe, ali e testa per evitare un eccessivo accumulo di sporco, la cosiddetta "polverina" che ricopre questi insetti, infatti, una volta attaccata al vetro/plexiglass non si stacca più e ostacola parecchio la visione dell'interno).


05 giugno 2013 - Si assiste ad una nascita in massa delle operaie.

Spoiler: mostra
Immagine
Situazione al 05/06/2013 (si notino le operaie ancora depigmentate sopra i bozzoli).


26 giugno 2013 - Ormai i bozzoli si sono schiusi quasi tutti e la regina ha iniziato già da qualche giorno una massiccia deposizione di uova.

Spoiler: mostra
Immagine
Situazione al 26/06/2013 (si noti il grosso pacchetto di uova).

Piccolo video del 26/06/2013.
https://www.youtube.com/watch?v=6ecRQHDA9rU


27 luglio 2013 - La colonia sta sviluppando la seconda generazione della stagione. Ho provato a somministrare un po' di tuorlo d'uovo alla colonia. Viene molto apprezzato, ma pochi giorni dopo, non appena si secca, viene rapidamente espulso dal formicaio.

Spoiler: mostra
Immagine
Immagine
Immagine


10 settembre 2013 - L'estate volge al termine e, come l'anno scorso la colonia si prepara all'inverno "bloccando" le larve ai primi stadi, in modo tale da poter iniziare la nuova stagione senza dover necessariamente aspettare i tempi di schiusa delle uova.

Spoiler: mostra
Immagine


22 settembre 2013 - Decido di far trasferire questa colonia, la muffa infatti ha raggiunto livelli che mi preoccupano per la salute delle formiche. Il trasferimento, come sempre per questa colonia, è rapido ed efficiente. Questa scelta si rivelerà controproducente riguardo alla visibilità dell'interno. Durante l'ibernazione, infatti, le formiche, approfittando del sottile strato di condesa formatosi sul plexiglass, hanno appiccicato piccoli frammenti di gesso/scarti vari per schermare la luce.

Spoiler: mostra
Immagine
La sistemazione della colonia nel nuovo nido. Questa volta niente più pasta di sale ma, una volta estratto il blocco, procedo a scavarlo con una fresetta elettrica. La muffa è molto diminuita, ma come si vedrà alla fine di questo post le formiche ci hanno messo del loro... Lo spazio è organizzato meglio rispetto al precedente, le stanze sono tutte dallo stesso lato del contenitore (questo mi agevolerà non poco quando dovrò farle trasferire, ma soprattutto mi consente una migliore visione d'insieme) e sono meno profonde. La visione all'interno, almeno all'inizio, è ottima.
Nb: le formiche si stanno già iniziando ad ammassare, ormai l'ibernazione è alle porte.


Ottobre - metà marzo ca. la colonietta viene tenuta in ibernazione, ad una temperatura compresa tra 5 e 10°C (in qualche giornata anche meno).

25 marzo 2014 - La colonia si sta lentamente risvegliando e le larvette vengono gradualmente "riattivate" dalle nutrici.

Spoiler: mostra
Immagine
Si noti il plexiglass parzialmente oscurato dalle occupanti.
Immagine
Le larve appena "riattivate" vengono separate dalle altre e spostate in un'altra stanza. Quello sulla sinistra è un pezzettino del grasso del prosciutto crudo, molto apprezzato, lo "leccano" fino ad asciugarlo, poi o lo espellono o lo usano per le loro solite barricate.
Immagine
La barricata che prima di ogni ibernazione ergono a difesa dell'ingresso viene rimossa solo dopo qualche giorno dopo che sono riprese le attività nel formicaio.


06 agosto 2014 - Si nota che la crescita rispetto all'anno scorso, in proporzione, appare decisamente minore, ipotizzo che la causa vada trovata nello scarso apporto di proteine che riesco a formire alla colonia. Ho tutto pronto per iniziare l'allevamento delle camole, ma non riesco a trovarle da nessuna parte, ho provato dappertutto nelle vicinanze :-(... Non so più cosa inventarmi per assicurare alle formiche un adeguato apporto calorico. Va ricordato che l'anno scorso erano praticamente sole, ma adesso devo riuscire a fornire proteine anche alle M. capitatus e alle C. vagus

Spoiler: mostra
Immagine


07 settembre 2014 - La colonia sta iniziando gradualmente a ridurre l'attività, anche se non capisco cosa le induca a iniziare i preparativi per l'ibernazione, non certo la temperatura, che in questi giorni è più alta che a luglio. Il plexiglass, come si vede bene dal video che segue, è molto sporco, ma quest'anno voglio provare a farle trasferire dopo l'ibernazione per mantenere una visibilità migliore per l'estate prossima.
Spoiler: mostra

Le formiche sono visibilmente infastidite dalla luce, in qualche minuto, anche se la luce resta forte, si calmano e tornano alle loro solite occupazioni. Si notino nella stanza in basso a sinistra le larvette al primo stadio che verranno "riattivate" come al solito solo dopo l'ibernazione.
https://www.youtube.com/watch?v=wYWQjJuEERg


Per concludere questo primo post del diario vorrei sottolineare la facilità di allevamento di questa specie (peraltro già evidenziata nella sezione delle guide del forum), che anche con me si è rivelata utilissima per un allevatore alle prime armi.

NB: io prima di lanciarmi in quest'avventura mi ero già letto tutte le guide del forum e molti diari, nonostante tutto, spinto dall'entusiasmo e dall'inesperienza, ho commesso tutta una serie di errori più o meno gravi (che ho sottolineato volutamente in questo diario per far sì che quelli che lo leggono e che vogliono lanciarsi in questa bellissima avventura possano evitare di ripeterli). Vorrei rivolgermi infine a tutti quelli che pensano che per far crescere correttamente una colonia non sia necessario informarsi accuratamente e aggiungermi al coro di tutti gli altri utenti del forum: per riuscire ad allevare formiche non basta semplicemente armarsi di provette o formicai artificiali, chiuderci dentro la regina e abbandonarla al suo destino assieme alle operaie. Hanno bisogno anche loro di cure adeguate per riuscire a sopravvivere!
Messor Capitatus (grazie ane_demi!)
firma aggiornata 20/02/2017
Avatar utente
atta97
uovo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 25 ago '12
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda Sara75 » 08/09/2014, 10:57

Complimenti. Una bella colonia ben tenuta. :happy:
„L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.“ _Charles Darwin.

http://pikaia.eu/
Avatar utente
Sara75
moderatore
 
Messaggi: 2118
Iscritto il: 12 ott '13
Località: Genova
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda ludomali » 08/09/2014, 13:11

Ti faccio i miei complimenti per il diaro e il risultato raggiunto! Spero che anche io raggiungerò il tuo risultato un giorno!
Specie allevate:
(7/8/14)Lasius emarginatus: Vai al diario
Tetramorium sp.
(18/4/15)Camponotus nylanderi:Vai al diario
Messor capitatus
Themnothorax sp.

Canale YouTube
Avatar utente
ludomali
pupa
 
Messaggi: 486
Iscritto il: 5 ago '14
Località: Torino
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda atta97 » 16/06/2015, 12:36

16 giugno 2015 - L'inverno è ormai finito da tempo, e siamo nel pieno dell'attività. Ormai le nascite sono giornaliere, ma la colonia non si sta sviluppando al pieno delle sue potenzialità, dato che non riesco a formire un apporto proteico adeguato (ancora niente camole :-? , ma non so come procurarmele). L'ultimo pasto sostanzioso, un coleottero trovato agonizzante in terrazza, è stato un paio di giorni fa e le sue tracce sono quasi del tutto scomparse (eccezion fatta, ovviamente, per le parti chitinose, come le elitre).

Spoiler: mostra
Immagine
Coleottero (notare il bozzolo al centro dell'immagine).


Devo dire che non ci tengono molto alla pulizia, soprattutto perché sono ancora un po' larghe, e un po' alla volta stanno oscurando il plexiglass.

Spoiler: mostra
Immagine
Immagine
Situazione al 15/06/2015.


Questa colonia, al contrario dell'altra di questa specie che ho allevato e poi ceduto, e al contrario delle altre specie che ho in allevamento, è estremamente reattiva quando si tratta di traslocare. I trasferimenti danno molta soddisfazione, infatti si risolvono in pochissimo tempo e senza particolari sforzi da parte mia per convincerle a spostarsi. Ma non è tutto oro quel che luccica! Il formicaio in cui si trovano adesso è provvisto di una camera per l'acqua sul fondo, che riempio con una siringa attraverso una cannuccia (che tappo con del cotone) che sbuca in arena. Più o meno 20 giorni fa mi sono dimenticato di ri-tapparla e nel girio di un paio d'ore un buon 40% delle operaie, con covata al seguito si era insediata in questa camera (certo per la maggior umidità, ma soprattutto per il buio). Scacciarle questa volta si è rivelata un'impresa. Con una luce intensa sono riuscito in breve tempo a far portare via la covata e a far uscire più di metà delle rivoltose, ma alcune resistevano. La "crisi" si è protratta per circa 10 giorni e alla fine le ho "prese per fame". Generalmente sono preciso, e mi ero ripromesso di guardarmi dal ripetere un errore simile, ma 2 giorni fa c'è stato il bis, con l'eccezione che in quei 20 minuti senza tappo non hanno fatto in tempo a spostare la covata! Al momento una 15ina di operaie (questa volta belle pasciute, vedi video) stanno tentando la secessione.



In più di un'occasione le operaie hanno portato tutti i bozzoli in arena, sotto tutti gli oggetti presenti e, poi, finito lo spazio, li hanno ammucchiati in un piccolo avvallamento. È normale? Personalmente non mi era mai successo, ma adesso li tengono nuovamente dentro. La cosa strana è che è successo nei giorni in cui il nido era meno umidificato.

Spoiler: mostra
Immagine
Bozzoli in arena 14/06/2015. Si noti l'operaia ancora depigmentata
Immagine
La situazione quando ho dato il coleottero è diventata molto caotica
Messor Capitatus (grazie ane_demi!)
firma aggiornata 20/02/2017
Avatar utente
atta97
uovo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 25 ago '12
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda Sara75 » 16/06/2015, 14:17

Per le proteine puoi sopperire fornendo loro tuorlo d'uovo sodo sbriciolato o pezzettini di tonno in scatola, ovviamente ben sgocciolato. Le mie apprezzano molto. I resti vanno però tolti in fretta per evitare marcescenza e relative muffe.

Senza camole, la dieta Bhatkar rimane la soluzione migliore, comunque. ;)
„L'uomo nella sua arroganza si crede un'opera grande, meritevole di una creazione divina. Più umile, io credo sia più giusto considerarlo discendente degli animali.“ _Charles Darwin.

http://pikaia.eu/
Avatar utente
Sara75
moderatore
 
Messaggi: 2118
Iscritto il: 12 ott '13
Località: Genova
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda quercia » 16/06/2015, 18:21

Che belle bravo!
E' stata una selle prime regine da me ritrovate
Avatar utente
quercia
major
 
Messaggi: 3597
Iscritto il: 8 mag '11
Località: matera
  • Non connesso

Re: Diario dell'allevamento di Lasius emarginatus by atta97

Messaggioda atta97 » 20/02/2017, 16:33

Rilevata morte della regina in data 17/02/2017 :cry: .

Diario finito.
Messor Capitatus (grazie ane_demi!)
firma aggiornata 20/02/2017
Avatar utente
atta97
uovo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 25 ago '12
  • Non connesso


Torna a Lasius

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 15 ospiti