[Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

[Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 05/05/2013, 22:57

Oggi approfittando del fatto che dovevo passare in un posto, ho dato uno sguardo ad un parchetto in cui credo quest'inverno abbiano tagliato un boschetto di bambù. Così ho dedicato qualche minuto a fare una bella raccolta dei pezzetti di canne rimasti sullo spiazzo, che si riveleranno ottimi per i nidi arboricoli visto che erano già belli e pronti: pre-tagliati corti a due nodi!
:yellow:
Già che c'ero ho dato un occhiata a delle robine lì vicino, per controllare le colonie di Lasius fuliginosus che si nascondono appena sotto la corteccia di tutti quelli morti, ma ho notato solo scarsa attività. Anzi spostando una corteccia sono piuttosto incappato in un nido maturo di Temnothorax sp. che ho subito richiuso (anche se ho tenuto poche operaie da identificare) e sollevandone una molto più grande le solite L. emarginatus con qualche larvona. :roll:

Guardando l'ennesimo albero morto che più che dalle L. fuliginosus sembrava infestato dalle solite onnipresenti Crematogaster scutellaris, ho inoltre avuto la fortuna di catturare una regina di Camponotus lateralis che vagava alla base del tronco quasi pedinando la pista di quelle.
:shocked:
Ovviamente l'aneddoto non sarebbe degno di nota se non fosse per il fatto che effettivamente osservo che in città queste due specie mutuali sembrano avere piuttosto successo: le seconde passano un po' inosservate, ma sfruttano la scia del successo delle prime e in questo periodo vedo molti nidi di C. lateralis in forte attività nei muri di palazzi. Sottolineo questo perché ovviamente tornato a casa era ovvio che mi dovessi aspettare la sorpresa nei pezzi di bambù: nell'ultimo margine aperto di neanche 2 cm prima del nodo mi accorgo che c'è un'altra regina di C. lateralis ma a differenza di prima con una colonietta!

Immagine

Questo era il vano in cui stavano che ho aperto scorticando il pezzo sopra, mentre dalla parte della cavità segata era appena leggermente chiuso con quei pezzi a destra che sembrano di midollo.

Immagine

Ora la cosa che mi ha lasciato un po' perplesso è che là dentro oltre alla regina c'erano, 1 minor, 1 maior e 2 larve molto piccole e sono certo niente altro (a dire il vero c'era anche quella che mi sembrava una testa di regina, ma poi fotografandola ingrandita bene, era di un dermattero qualunque).

Immagine

Escluderei il fatto che sia una regina dell'anno scorso, visto che appunto il boschetto è stato tagliato recentemente e non l'avrei trovata nella cavità segata. Ciò considerato mi chiedo possibile che ho trovato una regina da poco sciamata (e ci sta che sia effettivamente ritardataria visto il periodo) e contemporaneamente un'altra che invece deve aver minimo fondato più di un mese fa? Davvero sono così veloci a sviluppare la colonia in natura!? Non ho alcuna esperienza di fondazione con questa specie e non pensavo sviluppasse così due alla volta le operaie, ma soprattutto già così in fretta producesse una maior!
:uhm:
Ovviamente evito di citare il fatto che su mezza dozzina di pezzi, maledettamente non mi ero accorto che un pezzo aveva un nodo crepato :twisted: ed ovviamente mi sono ritrovato anche la solita seconda sorpresa del genere più onnipresente che possa mai capitare...

Aggiungo questa parte a posteriori per utilizzare la discussione come diario per la prima regina trovata vagante in solitaria. Invece, per quanto riguarda l'altra regina della mini colonia trovata con due operaie e sempre tenuta chiusa in provetta, entro la metà di settembre le operaie erano lentamente aumentate fino a 9 assieme ad una buona covata (che non ricordo nei particolari). Decisi di regalare questa colonia più sviluppata, perciò fu messa in una provetta da trasporto di plastica (etichettata con riferimento a me e alla discussione nel caso il nuovo possessore avesse domande) e col tappo forato e cotonato in maniera da essere pronta per una successiva apertura in arena. Il 21 settembre 2013 fu ceduta ad Entomodena, non so precisamente a chi ma confido sia in buone mani.
:smile:

Cronologia dalla fondazione (AUC)

05/05/2013 | AUC: +0 giorni
Regina chiusa in provetta poco dopo la cattura, ipotizzo abbia sciamato già svariati giorni fa.
Immagine

20/05/2013 | AUC: +15 giorni
La regina ha impiegato parecchio prima di deporre ed è rimasta almeno due settimane sola ad ambientarsi, non è comunque un soggetto troppo nervoso. Tre giorni fa sono comparse le prime due uova, seguite oggi da una terza.

30/05/2013 | AUC: +25 giorni
La regina ha deposto qualche altro uovo, arrivando oggi ad averne 7 in totale. Sono uova allungate e piuttosto grosse rispetto ad altre specie di minori dimensioni e non penso di vederne altre: questo è quanto ci si aspetta di norma da un Camponotino.

11/06/2013 | AUC: +37 giorni
Prime due larve schiuse, notate con una certa difficoltà perché lunghe quanto le uova ma leggermente inarcate a differenza di quelle. I tempi di schiusa delle prime due uova deposte risultano di circa 25 giorni.

23/06/2013 | AUC: +49 giorni
La larva il cui sviluppo è stato privilegiato rispetto alle altre si è imbozzolata 4 giorni fa, ieri una seconda e oggi vi è un terzo bozzolo: contati rispettivamente 7, 11 e 9 giorni per lo sviluppo di queste larve. La crescita sembra perciò avvenga piuttosto rapidamente allo stadio larvale con le migliori condizioni (temperature intorno ai 30 °C).
Immagine

05/07/2013 | AUC: +61 giorni
In piena estate e a circa due mesi dalla fondazione è uscita dal bozzolo la prima operaia. Il confronto con come si sta sviluppando l'altra mini-colonia (trovata in natura con due operaie e due larve soltanto a inizio della nuova stagione), è piuttosto illuminante su quanto in fondazione effettivamente questa specie non sia velocissima a portare avanti la covata.

21/07/2013 | AUC: +77 giorni
Dall'ultima volta sono state liberate dai bozzoli altre 2 operaie: i tempi dell'impupamento di queste prime tre risultano nell'ordine 17, 18 e 20 giorni con temperature intorno a 29 °C. Ora la regina può contare sui primi 3 elementi di cui aveva ben curato l'alimentazione, perciò in questa ultima settimana ha deposto altre 6 uova. Queste si aggiungono alla covata ritardataria della precedente generazione: 3 larve e 1 bozzolo odierno.

11/08/2013 | AUC: +98 giorni
La colonia ha ormai 5 operaie che nutrono la regina e badano alla covata che consta di 5 larve e 1 bozzolo, considerato ciò sembra che probabilmente un paio di uova siano state rimangiate. Le ho trasferite in una piccola arena in cui è molto più agevole nutrirle, dato che le operaie sono particolarmente scattanti.

31/08/2013 | AUC: +118 giorni
Durante un trasferimento a causa di una mia disattenzione sono andate disperse 3 operaie che si aggiungono ad un'altra probabilmente evasa nei giorni scorsi dall'arena: rimangono 2 operaie e fortunatamente 3 bozzoli che schiuderanno in breve oltre a 2 larve e 3 uova di recente deposizione. Purtroppo mi sono reso conto a spese della colonia che le operaie sono molto paurose e dato che si agitano con estrema facilità tendono a scappare fuori dalla provetta senza preavviso ed è molto difficile recuperarle senza temere di far loro danni. Probabilmente si sono andate a rintanare lontano e non sentono l'istinto di tornare al nido, comincio a comprendere perché avessi trovato l'altra colonia coi segni che avesse perso buona parte degli effettivi (la maior e la minor uniche presenti oltre alla regina). Per tale ragione ho deciso di mantenerle da ora sempre chiuse in provetta.

14/09/2013 | AUC: +132 giorni
Negli scorsi giorni una larva è cresciuta più delle norma e oggi è presente un bozzolo che chiaramente produrrà un operaia di casta superiore. La colonia attualmente consta di 5 operaie e la regina ha deposto oggi 3 uova che si aggiungono a 1 larva e 2 bozzoli presenti nella covata.

20/10/2013 | AUC: +168 giorni
La precedente deposizione (terza) sembra sia stata in parte mangiata: di 6 uova raggiunte ad oggi restano solo 3 larve. Inoltre queste sembra non accennino tanto a svilupparsi e la colonia pare abbia calato le richieste alimentari rispetto ai mesi estivi. Il grosso bozzolo è rimasto tale molto a lungo nonostante in ambiente domestico la temperatura non fosse mai scesa a meno di 20 °C (inoltre in questi giorni risalirà a causa del riscaldamento). Oggi è uscita dal bozzolo un'operaia maior che ha impiegato almeno 36 giorni per compiere la metamorfosi: più del doppio di quanto impiega un'operaia minor.

24/10/2013 | AUC: +172 giorni
A causa del riscaldamento domestico che mantiene la temperatura costantemente attorno a 25 °C la regina è tornata a deporre: ci sono 2 uova in aggiunta alle 3 larve. Avendo trovato ieri un operaia in giro nella stanza fuori dall'arena, senza curarmene troppo l'ho rimessa nel nido. Non ho fatto caso però al fatto che non mancava all'appello nessuna operaia e probabilmente quella aggiunta era una delle disperse dall'ultima volta. Purtroppo questa deve essere stata riconosciuta come intrusa e attaccata a morte, perché l'ho trovata che l'avevano buttata fuori dal nido assieme ad un'altra operaia che ipotizzo sia morta nell'azione di difesa.

22/11/2013 | AUC: +201 giorni
Sembra che anche nella scorsa deposizione un paio di uova siano state rimangiate: delle 5 totali solo 3 si sono aggiunte alle precedenti larve che ora ammontano a 6 soltanto. Visto la poca attività e che nonostante le temperature non sembrano nutrire più di tanto queste larve che stentano a crescere, ho deciso di mettere la colonia in ibernazione dopo averle lasciate banchettare a miele. In realtà sembra che come si osserva spesso sia stata la maior a fare incetta di scorte e che si occupi questa di nutrire il resto della colonia quando richiestole.
Immagine

01/12/2013 | AUC: +210 giorni
Manca un operaia all'appello e ho trovato la maior rannicchiata e morta, il resto della colonia comunque sembra stare bene. Ho pensato che l'ibernazione tardiva e molto netta come cambiamento di temperatura (da 25 °C a 10 °C nelle ultime settimane) possa essere la causa del problema, per tale ragione ora le ho messe in un'arena chiusa con retina (che sono riuscito a meglio coibentare) e ho lasciato nell'arena qualche fonte zuccherina per sicurezza.

22/12/2013 | AUC: +231 giorni
Dopo la maior, trovata una seconda operaia espulsa dal nido perché morta. Di operaie ne restano 3 assieme alle 4 larve di cui una è la solita piuttosto grossa rispetto alle restanti (si intravede nella foto del mese scorso). Continuo a fornire miele sperando che non ci siano altri problemi al prossimo controllo: non voglio agire troppo presto per non creare scombussolamenti ulteriori, ma se le operaie continueranno a diminuire mi troverò costretto a cessare l'ibernazione anticipatamente per cercare di recuperare la situazione.

03/03/2014 | AUC: +302 giorni
Agli ultimi controlli la situazione sembrava essere tranquilla, anche se nelle ultime settimane un po' di muffa si era sviluppata sul sughero e sul tappo della ghianda. Guardando oggi ho notato che due operaie giacciono morte dentro il nido. Restano solo la regina, 1 operaia e 3 larve, per cui interrompo subito l'ibernazione portandole in ambiente domestico e comincio ad alimentarle.

Immagine

14/03/2014 | AUC: +313 giorni
Riportata in casa e alimentata a miele nelle ultime settimane, la regina aveva disteso un po' il gastro. Probabilmente in seguito allo stimolo dalle temperature costanti attorno ai 23 °C dell'ultima settimana, oggi posso osservare la deposizione di 4 uova.

30/03/2014 | AUC: +329 giorni
La ripartenza di questa seconda stagione sembra stia avvenendo nel migliore dei modi: in queste due settimane la regina ha deposto a ritmo serrato e in quantità maggiore della media dello scorso anno (ho rilevato 2 uova ogni 3 giorni, con punte di 3 uova ogni 2 giorni appena prima del picco). Al momento quindi è presente una covata di ben 16 uova che si aggiungono alle 2 larve sopravvissute allo svernamento. Queste ultime hanno ripreso a crescere rapidamente grazie all'alimentazione a tipule, scelte perché apparentemente fra le prede più apprezzate.

07/04/2014 | AUC: +337 giorni
La larva che durante lo svernamento aveva dimensioni maggiori risulta oggi imbozzolata, inoltre si sono schiuse le prime 2 uova. La pupa è piuttosto grande per cui credo si schiuderà una nuova maior che si affiancherà alla minor ora presente. L'addome della regina sembra tornato in condizioni normali.

25/04/2014 | AUC: +355 giorni
Quattro giorni fa ho dovuto trasferire forzatamente la colonia in una nuova provetta perché quella preparata questo autunno aveva ormai il serbatoio vuoto da una settimana. Purtroppo ho compiuto l'azione quando le uova erano già tutte sgusciate eccetto una e presumo che alcune delle larve che ho recuperato manualmente abbiano sofferto, probabilmente per essere rimaste troppo a lungo sul cotone bagnato, senza che l'operaia o la regina dessero segno di volerle radunarle assieme al resto. Suppongo siano state rimangiate visto che ne mancano all'appello 4 almeno, considerando che una delle invernali si è imbozzolata. Infatti conto: 1 operaia, 2 bozzoli (maior e recente minor), 8 larve e 4 uova. La regina non si è fatta quindi problemi a deporre nonostante lo stress dell'operazione, considerato che sto tenendo lei e l'operaia sovra-alimentate con grossi pezzi di camola e miele.

Immagine
Immagine
Immagine

18/05/2014 | AUC: +378 giorni
Due settimane fa avevo trovato morta l'unica operaia rimasta, come se fosse accaduto nello sforzo di disimpigliarsi dal cotone dell'uscita. Anche il bozzolo delle maior che era scurito e sembrava fosse prossimo all'apertura da molti giorni (per quanto visibilmente deforme) è ora chiaramente morto, dato che la regina l'ha fatto a pezzi e lasciato lontano dalla covata. Nonostante quest'ultima sia rimasta da sola, continua ad alimentarsi e a nutrire le larve: sembri apprezzi particolarmente le sostanze zuccherine di cui si gonfia l'addome che in un paio di giorni di svezzamento ritorna contratto. Anche le camole vengono un poco consumate anche se relativamente meno di frequente rispetto a quanto mi aspetterei.

27/05/2014 | AUC: +387 giorni
Oggi sono riuscito ad osservare le fasi di apertura del bozzolo da parte della regina, le operazioni avvengono in un periodo di tempo abbastanza lungo ma senza problemi. Tutte le precedenti uova sembra si siano ormai schiuse, perciò conto 11 larve, 4 bozzoli e 1 operaia. Ho messo in provetta un tappetino di sughero per evitare di bagnare i bozzoli quando metto le gocce di acqua zuccherata in provetta che la regina dimostra di gradire sempre molto di più delle camole (il suo gastro però si riduce rapidamente alla normalità uno o due giorni dopo ogni scorpacciata).

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

15/06/2014 | AUC: +406 giorni
Con il caldo di questo periodo la regina ha ben rimpinguato il numero di operaie rapidamente. Poco dopo l'apertura del secondo bozzolo circa una settimana fa la regina ha anche rideposto e ora conto 7 uova, 6 larve, 5 bozzoli e 5 operaie. Sembra dunque che il maggiore impegno profuso nella covata questa seconda stagione stia dando i suoi frutti e (a meno di imprevisti sempre dietro l'angolo quando si alimentano queste nervosette) mi aspetto che la colonia ingrani abbastanza in fretta nelle prossime settimane. Già ora che sono appena di più della settimana scorsa noto poca calma dato che due cercano sempre di aprirsi una via vicino al cotone che blocca l'uscita. Non è un problema di alimentazione dato che sono ben pasciute ad acqua zuccherata e camole che ora consumano di buona lena, probabilmente è proprio nella loro indole.

Immagine

26/07/2014 | AUC: +447 giorni
In poco più di un mese il numero dei bozzoli aperti è costantemente cresciuto: ora le operaie sono 14, mentre nella covata attuale resta 1 bozzolo, 8 larve e 5 uova. In tutte le rilevazioni di conta settimanale degli stadi negli ultimi due mesi circa ci sono sempre state di norma 3-4 uova almeno. La colonia si nutre e cresce la covata con un buon ritmo, anche se sembra preferiscano molto più spesso gonfiare ciclicamente gli addomi con liquidi zuccherini piuttosto che cibarsi di camole. Tendono spesso a rifugiarsi sotto il tappettino di sughero come si può vedere in foto, anche se con difficoltà dato lo sporco della provetta in quella zona.

Immagine

20/08/2014 | AUC: +472 giorni
Sono ormai schiuse tutte le uova e si è aggiunta un'altra operaia che ha impiegato circa 25 giorni a compiere la metamorfosi: ricapitolando ci sono 11 larve e 15 operaie.

25/09/2014 | AUC: +505 giorni
Credo sia morta in questi giorni la prima operaia, che suppongo abbia vissuto quasi 450 giorni. Non sono avvenute altre deposizioni per cui al momento sono presenti 11 larve e 14 operaie.

09/11/2014 | AUC: +553 giorni
Negli ultimi mesi la colonia la situazione è rimasta immutata con la presenza di 11 larve e 14 operaie. La colonia si è nutrita raramente e le larve stentano a crescere segno che nonostante le temperature domestiche a cui sono tenute ormai stanno andando in diapausa. Per tale ragione ripongo la provetta chiusa in cui finora le ho tenute in una scatola coibentata per trascorrere l'inverno all'esterno.

14/03/2015 | AUC: +678 giorni
Riportate in ambiente domestico a inizio mese come le altre colonie, notai che le larve rimaste erano circa 9 assieme alle 14 operaie, tuttavia la regina ha cominciato a deporre e c'è già un mucchio di 11 uova.

21/03/2015 | AUC: +685 giorni
Ho notato alcuni giorni fa tre larve apparire ingiallite e raggrinzite pur sembrando ancora vitali in un primo momento, nei giorni successivi è risultato chiaro che non lo erano più. Lo stesso vedo oggi capitare ad altre due larve, mentre le restanti pare stiano crescendo. Ricapitolando rimangono solo 4 larve dello scorso anno oltre alle 14 operaie e 27 uova. La regina sta quindi deponendo a pieno ritmo.

29/03/2015 | AUC: +693 giorni
La deposizione pare sia terminata dopo averne accumulate un grosso numero: le uova risultano molto difficili da contare, stimo ce ne siano circa 51. Delle larve dello scorso anno sono rimaste solo un paio che si sono imbozzolate 2 giorni fa e l'ultima che si lo è diventata oggi.

05/04/2015 | AUC: +700 giorni
Stanno cominciando a schiudere le uova della grossa deposizione di quest'anno: conto 44 uova, 7 larve, 3 bozzoli, 14 operaie.

14/04/2015 | AUC: +709 giorni
Cinque giorni fa ho trasferito la colonia in un terrario a parallelepipedo in plexiglass 10,5x16,5x12,5 cm che funge da arena con fondo in gesso. Su una di queste pareti trasparenti e incollato col silicone c'è il nido arboricolo fatto concatenando diverse galle assieme.
Il trasferimento non è stato facile perché le operaie restavano disorientate e seppure qualcuna dopo quasi un'ora fosse riuscita ad entrare nel nido, purtroppo non lo esploravano e restavano legate al vecchio pezzo di sughero che conservava l'odore probabilmente del vecchio nido. Dopo aver provato inutilmente a posizionare il pezzo di sughero vicino all'ingresso più ampio del nuovo nido sperando che dopo aver lì raccolto la covata la portassero dentro, ho scelto di procedere in maniera più mirata. Questo a causa pure del fatto che la regina restava agitata a scorrazzare senza pace in arena, perciò l'ho chiusa in un tubo di gomma trasparente la cui imboccatura ho bloccato contro l'ingresso del nido nuovo in maniera che fosse obbligata a scapparci dentro. Così facendo la regina si è calmata e dopo varie ore è stata seguita da tutte le operaie dopo che le prime e i bozzoli li avevo infilati dentro all'imboccatura più grande.
Attualmente la colonia sembra si sia abituata alla nuova sistemazione: ci son sempre 1-2 operaie che presidiano l'ingresso ampio in basso, la regina tende a stare in una camera centrale con un'operaia, mentre gran parte della covata è raccolta nella stanza dell'ingresso in cima a sinistra. Tuttavia noto che i bozzoli sono stati fatti a pezzi e lasciati un po' in altre camere e un po' fuori dal nido. Inoltre nel trambusto del trasferimento un'operaia si era ferita ed è poi morta, perciò ora conto solo 13 operaie, 16 larve, 35 uova.

26/04/2015 | AUC: +721 giorni
Credo sia morta naturalmente una delle operaie della seconda generazione, che potrebbe quindi aver vissuto approssimativamente 600 giorni. A partire da cinque giorni fa hanno incominciato ad imbozzolarsi le larve di quest'anno dopo aver impiegato almeno 36 giorni per lo sviluppo larvale; in effetti si alimentano sempre abbastanza di rado e ciò potrebbe spiegare la lentezza. Al momento conto 12 operaie, 5 bozzoli, 39 larve, 17 uova e la colonia è solitamente raccolta tutta nella camera più centrale del nido, benché i tre ingressi siano presidiati.

15/05/2015 | AUC: +740 giorni
Ho trovato un'altra operaia morta portata fuori dal nido che quindi conferma il caso precedente per la vita media delle operaie. Ormai quasi tutte le uova sono diventate larvette, ma continuano ad alimentarsi principalmente di zuccheri lasciando spesso le camole a seccare solo in parte sbocconcellate. Noto stranamente anche che alcuni bozzoli sembra siano stati aperti e i pezzi portati in altre camere: i tempi di sviluppo sono stati superati per i primi eppure non vedo nuove operaie (nelle scorse settimane avevo anche cercato di accelerare i tempi tenendo a qualche grado più in alto la parete nella zona dei bozzoli, ma avevo poi lasciato perdere perché la regina preferiva spostarsi lontano nelle parti più fresche), perciò sospetto che anche questi abbiano fatto una fine simile a quelli delle larve dello scorso anno. In totale ci sono 11 operaie, 11 bozzoli, 30 larve, 3 uova.
Immagine

01/06/2015 | AUC: +757 giorni
Piano piano stanno aumentando le operaie ed oggi ne è sfarfallata un'altra ancora. Adesso conto quindi 16 operaie, 8 bozzoli e 21 larve. La maggior parte delle larve rimane piccola ed è difficile stimare il loro numero e anche quello dei bozzoli perché sono ammucchiati. Sono certo che si nutrono perché saltuariamente trovo pezzetti di camola svuotati, ma difficilmente noto quando avviene: tendono ad essere tendenzialmente esploratrici notturne in questo periodo. Fatico anche a capire se apprezzano il miele e ho la sensazione preferiscano sostanze zuccherine più diluite. In questi mesi sto anche variando un po' la dieta con insetti di cattura come ditteri vari, farfalline e ragni che, però, non sempre sono apprezzati.

Immagine
Immagine

02/07/2015 | AUC: +788 giorni
Il numero di operaie è rimasto costante nell'ultimo mese nonostante oggi sia schiuso l'ultimo bozzolo perché qualche operaia è morta. A inizio dello scorso mese c'era qualche bozzolo fatto a pezzi e una o due operaie vecchie in arena. Un paio di settimane fa ne ho trovata una nell'antifuga (possibile anche vi sia stata lasciata) e un'altra invece stupidamente trovata dentro la provetta contenente l'acqua zuccherata a cui aveva incautamente rimosso il cotone finendo per essere risucchiata dalla riserva liquida. A parte l'ultimo caso presumo sia il ricambio generazionale delle più vecchie, anche se vedo la covata praticamente ferma e si riempiono i gastri principalmente di zuccheri, questo continua accadere nonostante metta diversi ditteri (varie specie appetibili, non solo mosche o zanzare) oltre a pezzi di grilli o camole. La scarsa attività potrebbe anche essere indotta dall'estremo caldo delle ultime settimane perché non le ho praticamente mai viste lasciare il nido, se non oggi dopo avere bagnato il fondo dell'arena. Il conto è quindi fermo a 17 operaie e 15 larve.

Immagine

24/07/2015 | AUC: +788 giorni
Si nutrono ancora saltuariamente e soprattutto di melata, tuttavia alcune larve sono cresciute e in breve imbozzolate, complici anche le temperature elevate delle ultime settimane. Ho notato anche che tendono ad ignorare il miele in arena, presumo perché troppo denso e preferiscono liquidi meno viscosi. La popolazione quindi sta crescendo lentamente come al solito.
Ultima modifica di entoK il 27/12/2013, 20:57, modificato 4 volte in totale.
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda winny88 » 05/05/2013, 23:01

No anzi, sono una specie piuttosto lenta in fondazione anche in cattività :) . Poi la presenza della media direi che è indicativa di regina più attempata. Il mistero sta nel fatto direi che c'erano solo 2 operaie di cui una media. Che fine ha fatto il resto della colonia che evidentemente c'era? Che sia una colonia disastrata proprio dalla recente potatura e questo è ciò che ne rimane? :)
Immagine
Avatar utente
winny88
major
 
Messaggi: 7595
Iscritto il: 23 giu '12
Località: Napoli Vesuvio
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda Bremen » 05/05/2013, 23:06

Stanno sciamando in questi giorni e a quanto ho letto in giro sono una specie abbastanza lenta nello sviluppo di larve e pupe, secondo me sono dell'anno scorso, magari una colonia trasferita li da poco, proprio dopo il taglio.
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2434
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 05/05/2013, 23:13

In effetti io non ho riferimenti visto che è la prima volta che mi capitano e mi sono basato semplicemente sui tempi della scheda, anche se effettivamente il conto al minimo un mese che ho fatto mi sembrava appunto un po' esagerato: sarebbe stata la prima a sciamare a fine marzo! Comunque l'operaia più grande non lo è tanto, per quello ho detto media: si vede nella foto in trofallassi.

Può darsi che sia come dite che quando hanno potato si sono rifugiate quelle superstiti e le due larve, anche perché la seconda sorpresa capitata, invece è la colonia più numerosa (e infatti stavano in un larghissimo nodo di canna, altro che provetta! Lì ora son quasi strette) che abbia mai visto del solito genere che ti capita quando non controlli bene cosa raccogli.. :roll:
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda Bremen » 05/05/2013, 23:17

Entok non ho capito, anche nell'altra canna ci sono C.lateralis o sono altre? Io sto cercando regine ovunque ma non ne trovo...oggi però era il primo giorno di sole...speriamo che siano ritardate le sciamature e ancora ho speranze...
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2434
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 05/05/2013, 23:23

Sono altre.. e fin troppo comuni per quanto inosservate, non dico altro perché ormai sono abbonato a trovare quel genere! :lol:

Qua in pianura padana piove tipo stagione monsonica :-? da un paio di settimane anche se c'è stato il sole a intermittenza alcuni giorni, da quello che ho visto come attività dei nidi non dovrebbe essere tardissimo.. Da te in spagna spero ci sia stato più caldo e meno il protrarsi d'inverno parecchio strano di questo nostro inizio anno! :mrgreen:
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda Bremen » 05/05/2013, 23:27

No qua al nord della Spagna ha fatto molto freddo...a Burgos a 2 ore da qui la settimana scorsa ha nevicato e c'erano -1 gradi...oggi per la prima volta dopo tre settimane siamo saliti sopra i 20 gradi!

Le altre formiche sono Temnothorax???
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2434
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 06/05/2013, 0:01

Caspita! Be' allora può darsi che le sciamature ritardino anche lì come da noi.
Sì ovvio le seconde.. ;) (e a proposito quelle che ho senza regina hanno ora una pupa di maschio, c.v.d.)
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: [Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 22/11/2013, 18:15

Mi sono dimenticato di aggiornare che ad Entomodena la colonietta che avevo fatto riprendere e aveva ormai raggiunto la decina di operaie è stata ceduta.
Tra l'altro non so chi se la sia presa in carico, sinceramente non ho visto, per quanto avrei preferito dare qualche consiglio sulle cose da evitare con queste pesti che scappano e si perdono con nulla.. :roll: nel caso fatemi sapere.

La regina in fondazione, dopo svariate peripezie che hanno ridotto la crescita della colonia, ha ora 6 operaie di cui una media e un pari numero di larve di cui alcune schiuse di recente alle temperature domestiche. Considerato però che non accettano praticamente più di alimentarsi sto cominciando a mettere l'arena sul davanzale per cominciare l'ibernazione.
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Analisi demografica del primo anno per singolo individuo

Messaggioda entoK » 31/05/2014, 13:28

A poco più di un anno dalla fondazione aggiorno per tirare le somme: questa colonia nel primo anno ha subito svariate peripezie, che si possono intuire dall'andamento demografico sottostante.
Immagine
Immagine
Per dare un riferimento temporale il primo grafico inizia ai primi di maggio, mentre il secondo si conclude ai primi di gennaio di questo anno (8 mesi dalla fondazione). Il declino delle operaie è continuato come si può leggere nel diario (lo si vedrà nel prossimo aggiornamento).

Per esperienza con l'altra colonia ceduta ma soprattutto con quest'ultima, non le considero granché facili da tenere come specie: sia per il loro essere pavide e disperdersi con nulla, sia perché la colonia nelle prime fasi cresce molto a scaglioni limitati di poche operaie. Intuisco ora molto bene perché avessi trovato una colonia in natura con fondazione probabile dell'anno prima che appariva decimata. Quest'altra che pure ho tenuto in cattività si è ritrovata in una situazione in fondo analoga alla ripartenza primaverile. Per stare più attento quest'anno le gestirò in provetta chiusa, visto che l'anno scorso questo si era rivelato il metodo migliore per far crescere in fretta l'altra colonia poi ceduta.

Comunque "non tutti i mali vengono per nuocere", infatti di contro vista la gradualità con cui cresce la colonia ho raccolto molti dati piuttosto chiari e ho perfino la possibilità di dedurre lo sviluppo per i singoli individui, prestando un po' di attenzione. Ho raccolto i risultati dedotti dalle annotazioni demografiche nella tabella sottostante: ogni individuo è denominato con una lettera (indica la deposizione a cui appartiene) e un numero (in ordine di schiusa).

Immagine

C'è sicuramente la possibilità di incertezze intorno 2-5 giorni a seconda delle rilevazioni, ma ecco un po' di cose interessanti che si deducono al riguardo di queste Camponotus lateralis (alcune cose potrebbero applicarsi in generale pure ad altre specie nello stesso genere per il poco di cui ho esperienza):
  • la regina ha sempre deposto a intervalli fin tanto che durava la stagione calda (in tutto 5 volte nel mio caso), mediamente ciascuna deposizione dura circa 6-14 giorni e, al ritmo di un uovo ogni 2-3 giorni, si accumulavano circa 6 uova per volta;
  • più volte è plausibile supporre che alcune uova siano state subito rimangiate, la cosa non pare avvenire solo nel caso della prima deposizione, ma accade per un paio di uova in entrambe le due successive e per un numero maggiore nelle ultime due deposizioni, probabilmente queste sono di scarso successo perché autunnali;
  • il periodo di sviluppo per ogni stadio risulta in media di: 24 (fra 22-27) giorni per la schiusa, 22 (fra 7-46) giorni per la crescita larvale, 19 (12-21) giorni per lo stadio pupale, quando nella bella stagione le temperature sono sui 25-30 °C in media;
  • il periodo complessivo di sviluppo per un'operaia minor è in media di 67 giorni e per la precisione oscilla fra 46 e 98 giorni (27-30 °C in media), inoltre si può osservare che lo sviluppo è tendenzialmente più rapido per i primi esemplari di ogni generazione (la crescita larvale è rapidissima per le prime tre in assoluto), probabilmente le ultime deposte di ogni generazione ritardano perché tendono ad essere denutrite, cosa che si desume dallo sviluppo larvale molto allungato mentre gli altri stadi restano all'incirca costanti;
  • il periodo di sviluppo normale per l'operaia maior è nel complesso più lungo di quello medio della minor: 95 giorni (fino al 42% più prolungato rispetto al medio della minor) e non si differenzia per la schiusa ovviamente, ma solo per un più lungo sviluppo della larva (37 giorni, 68% più prolungato) e della pupa (36 giorni, 90% più prolungato del medio). Si tenga conto delle temperature simili per i primi due stadi un po' più basse per l'ultimo.
  • come nota finale si può osservare come siano prolungati i tempi per la covata che ha svernato (individui C1, D1, D2, E1, E2) di questi circa il 60% non è arrivato a primavera, senza contare che le covate cui appartengono erano state in gran parte rimangiate. Delle due restanti a inizio di questa stagione C1 (maior) ha avuto problemi nelle fasi finali del bozzolo che la regina ha fatto a pezzi (per tale ragione non ho commentato il dato), mentre di D1 sono riuscito a documentare alcuni giorni fa l'apertura del bozzolo che è avvenuta senza problemi ed è l'unica operaia che attualmente accompagna la regina.
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: [Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 28/03/2015, 16:48

Visto che tra poche settimane questa specie e altri nel genere Campunotus cominceranno a sciamare, ho trovato opportuno aggiornare un po' di arretrati dell'ultimo anno su questa colonia..
Immagine
Intanto che procedo vi lascio questa breve sequenza animata sulle fasi dell'apertura del bozzolo da parte della regina ancora sola, cosa che credo sia uno spettacolo abbastanza interessante.
:winky:
Se vi gira la testa trovate qui sopra nel diario alcune foto delle fasi più belle. :wacko:
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: [Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda uargh » 28/05/2015, 16:17

che bella sequenza :))

Il tuo diario è molto utile a capire i tempi... diciamo comodi di questa specie.. Io ho trovato una regina circa tre settimane fa e ha già fatto otto uova, assolutamente in linea con la tua regina! Non me ne aspetto altre quindi ;)

Come va la colonia?
uargh
uovo
 
Messaggi: 19
Iscritto il: 8 mag '15
Località: Roma
  • Non connesso

Re: [Diario] Fondazione in natura di C. lateralis rapida?

Messaggioda entoK » 30/05/2015, 12:55

Va lenta come sempre... :lol:

Sono un po' in arretrato con gli aggiornamenti e le foto da caricare.

Comunque detto in breve, quest'anno ha iniziato con una grossa deposizione ma un po' di bozzoli sono stati fatti a pezzi e tra il fatto che qualche operaia di prima generazione è morta al momento sono ancora una quindicina come a fine dell'anno scorso.
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2102
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso


Torna a Camponotus

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Diegomantua e 7 ospiti