Formica cinerea, diario e studi

Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda Animalia » 20/07/2018, 20:26

Ciao, ho aperto questo topic perché non ci sono molte esperienze di Formica cinerea sul forum e da quel che ho letto le esperienze non superano il periodo di fondazione.

Ad agosto ho trovato la regina, identificata come Formica cinerea

Essa il giorno dopo la cattura ha deposto e successivamente non è stata più controllata.

Intorno al 16 luglio nasce la prima operaia e poi giorno dopo giorno si schiudono tutti i bozzoli a gran velocità e nello stesso periodo.

20 Luglio
Adesso la colonia conta 7 operaie e una covata composta da larve di discreta dimensione, è una specie veramente veloce!!! In ogni caso, oggi ho nutrito per la prima volta la neocolonia con acqua e zucchero sul tappo di cotone, solo due operaie sono andate a nutrirsi sul tappo e una volta tornate vicino alle sorelle e alla madre hanno sfamato la colonia tramite trofallassi.

Mi chiedo perché le regine di questa specie hanno una elevata mortalità, tanto da non arrivare ad avere colonie mature... forse sbagliamo qualcosa noi allevatori? Magari vivendo vicino a corsi d'acqua un antifuga a fossato d'acqua sarebbe adatto... o si stressano senza un formicaio scavabile...

allego presto delle foto della colonia, per adesso non ne ho fatte per non stressarle.

Inviato dal mio CAM-L21 utilizzando Tapatal
FORMICHE IN ALLEVAMENTO

Crematogaster scutellaris - 3 colonie

Colobobsis truncatus - 1 colonia

"diario : viewtopic.php?f=9&t=13788 "

Myrmica sp - 1 colonia

Lasius paralienus - 1 colonia
Avatar utente
Animalia
pupa
 
Messaggi: 405
Iscritto il: 7 feb '16
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda yurj » 21/07/2018, 11:17

:cop: i nomi scientifici in corsivo

Sono delle Serviformica e certo che sono rapide, ma perché dici che hanno un'elevata mortalità?

Il nido, per quando ne avrai bisogno, va benissimo in gesso o gasbeton con normale antifuga. Gianni le ha tenute in queste condizioni e sono cresciute esattamente come le altre del genere.
Spoiler: mostra
In allevamento:
Camponotus cruentatus - C. ligniperda - C. vagus
Crematogaster scutellaris
Formica sanguinea
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 2077
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Piacenza
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda GianniBert » 21/07/2018, 16:20

Animalia ha scritto:...Mi chiedo perché le regine di questa specie hanno una elevata mortalità, tanto da non arrivare ad avere colonie mature... forse sbagliamo qualcosa noi allevatori?...

...Magari vivendo vicino a corsi d'acqua un antifuga a fossato d'acqua sarebbe adatto... o si stressano senza un formicaio scavabile...


Confermo quel che scrive yuri: le Formica non hanno nessuna mortalità elevata.
Tutte quelle che mi sono capitate fra le mani sono partite a razzo (se escludiamo quelle appartenenti a fondazioni assistite) e le colonie sono poi cresciute rapidamente e numerosissime.
La difficoltà di distinguere la specie da altre similari (come F. cunicularia) fa sì che non sempre si sa di avere catturato proprio F. cinerea, ma è una specie molto adattabile e così non ci sono sostanziali differenze in fondazione in allevamento. Che in natura queste formiche preferiscano gli argini dei fiumi o il letto asciutto degli stessi, è solo un adattamento e non un limite in negativo.
Anche la mia ultima colonia di Formica cinerea gode di ottima salute, ed è attualmente in possesso di Mirme (viewtopic.php?f=11&t=10697).
La risposta quindi potrebbe essere che sbagliate qualcosa VOI allevatori. :lol:

Forse il motivo per cui non ci sono molti diari è perché invece sono formiche che non si trovano così frequentemente come Lasius o Camponotus, essendo velocissime a nascondersi dopo il volo nuziale.
Pochi ritrovamenti = meno diari.
Vale comunque lo stesso comportamento di crescita che puoi leggere per Formica cunicularia: viewtopic.php?f=11&t=138

Per rispondere alla seconda frase, mettere un fossato d'acqua attorno a formiche che sono abituate a vivere in zone alluvionali è un po' come cercare di uccidere un bergamasco colpendolo con palline di polenta... idea poco brillante! Queste praticamente non annegano mai!!! :roll:
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus nylanderi - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Pheidole tumida - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4453
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda Animalia » 23/07/2018, 20:11

Io ero convinto che le colonie in cattività di questa specie dopo il primo periodo di fondazione morissero per morti misteriose della regina, devo aver chiaramente fatto confusione e mi scuso :-) io ho avuto altre colonie in passato tutte morte per causa mia, ma avevo la convinzione che anche se facevi tutto come si deve la colonia non raggiungeva la maturità.

Per il momento credo di star facendo tutto come si deve. Mi date dei consigli sulla loro dieta? Ogni quanto dovrei nutrirle? Dall'ultimo aggiornamento non le ho più nutrite anche perché inizio a fare fatica a gestirle in provetta "sono dei veri e propri demoni!" E appena provo a aprire la provetta cercano di fuggire.

Inviato dal mio CAM-L21 utilizzando Tapatalk
FORMICHE IN ALLEVAMENTO

Crematogaster scutellaris - 3 colonie

Colobobsis truncatus - 1 colonia

"diario : viewtopic.php?f=9&t=13788 "

Myrmica sp - 1 colonia

Lasius paralienus - 1 colonia
Avatar utente
Animalia
pupa
 
Messaggi: 405
Iscritto il: 7 feb '16
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda Paglia » 23/07/2018, 22:29

Ciao Animalia, io ho in provetta 3 regine e credo che una di loro sia di Formica cinerea vista l'estrema velocità rispetto alle altre che dovrebbero essere cunicularia.
Comunque sia ho trasferito la provetta in una piccola arena, come chiusura cotone e una cannuccia che fa da entrata.
In questo modo riesco ad alimentarle molto facilmente e con poco stress per entrambi!
Presta particolare attenzione all'antifuga, io ho usato vasellina sul bordo dell'arena ma sono riuscite ad eluderla attaccandoci dei sassolini usati come fondo, ho risolto con il bordo a tetto.
Comunque in genere ho trasferito tutte le mie regine in arena una volta raggiunte le decine di operaie, in questo modo mi è più semplice nutrirle e le vedo anche meno stressate.
Domani ti metto una foto di come le ho sistemate.
Paglia
uovo
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 5 giu '18
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda Paglia » 27/07/2018, 14:13

Ecco una foto
Allegati
IMG_20180727_141958-01.jpeg
Paglia
uovo
 
Messaggi: 43
Iscritto il: 5 giu '18
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda yurj » 28/07/2018, 10:13

Paglia ha scritto:Ciao Animalia, io ho in provetta 3 regine e credo che una di loro sia di Formica cinerea vista l'estrema velocità rispetto alle altre che dovrebbero essere cunicularia.
Comunque sia ho trasferito la provetta in una piccola arena, come chiusura cotone e una cannuccia che fa da entrata.
In questo modo riesco ad alimentarle molto facilmente e con poco stress per entrambi!
Presta particolare attenzione all'antifuga, io ho usato vasellina sul bordo dell'arena ma sono riuscite ad eluderla attaccandoci dei sassolini usati come fondo, ho risolto con il bordo a tetto.
Comunque in genere ho trasferito tutte le mie regine in arena una volta raggiunte le decine di operaie, in questo modo mi è più semplice nutrirle e le vedo anche meno stressate.
Domani ti metto una foto di come le ho sistemate.


Questo è il modo corretto e collaudato di tenere colonie nelle prime fasi di crescita, quindi ottimo!!
Spoiler: mostra
In allevamento:
Camponotus cruentatus - C. ligniperda - C. vagus
Crematogaster scutellaris
Formica sanguinea
Avatar utente
yurj
moderatore
 
Messaggi: 2077
Iscritto il: 4 mar '15
Località: Piacenza
  • Non connesso

Re: Formica cinerea, diario e studi

Messaggioda Animalia » 04/08/2018, 16:48

Le mie sono ancora in provetta, perché riesco a gestirle ancora molto bene, ho studiato un metodo molto più veloce, preparo un tappo di cotone e ci metto sopra il cibo, poi velocemente tolgo il tappo e metto quello con il cibo, sono super voraci... oggi ho dato loro un ragnetto e lo hanno preso almeno in tre operaie, portato in fondo alla provetta "dove risiede anche la covata" e divorato.

4/8/2018

Oggi ho dato altre proteine, il ragnetto di cui parlavo prima.
Sinceramente per nutrire le colonie punto più sui carboidrati che sulle proteine, "insettini 1 volta o due a settimana e acqua e zucchero/miele anche tre volte a settimana"

La covata conta 5 larve una decina di uova e 2 o 3 bozzoli "di terza generazione"

Ho notato che una operaia svolge la funzione di replete, anche prima che offro loro il cibo c'era un'operaia con un gastro gigantesco, allego foto di operaie e operaia replete ;-)

ImmagineImmagineImmagine

Inviato dal mio CAM-L21 utilizzando Tapatalk
FORMICHE IN ALLEVAMENTO

Crematogaster scutellaris - 3 colonie

Colobobsis truncatus - 1 colonia

"diario : viewtopic.php?f=9&t=13788 "

Myrmica sp - 1 colonia

Lasius paralienus - 1 colonia
Avatar utente
Animalia
pupa
 
Messaggi: 405
Iscritto il: 7 feb '16
  • Non connesso


Torna a Formica

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti