Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda Atramandes » 18/06/2017, 9:01

WoW, davvero impressionante! Pero' non credo che sia un fenomeno insolito per una specie in semi-liberta', che ha a disposizione un intero albero e buona parte del giardino sottostante per cacciare e che e' notoriamente aggressiva ed abile nel cacciare come Lasius emarginatus. Oltretutto quel nido e' una manna dal cielo, un luogo confortevole e sicuro, perfetto per alloggiare tutta quella covata :lol:

Concordo sul fatto che se accudite con questa cura, presto il loro numero sara' incalcolabile :-D
Spoiler: mostra
In allevamento
Lasius niger
Lasius emarginatus
Lasius paralienus
Camponotus vagus
Camponotus cruentatus
Camponotus piceus
Camponotus barbaricus
Camponotus lateralis
Crematogaster scutellaris
Formica cunicularia
Formica sanguinea
Solenopsis fugax
Messor capitatus
#Tetramorium caespitum ceduta
#Lasius lasioides ceduta
#Lasius flavus ceduta
#Lasius (Chthonolasius) umbratus ceduta
#Pheidole pallidula ceduta
#Tapinoma nigerrimum ceduta
Avatar utente
Atramandes
moderatore
 
Messaggi: 711
Iscritto il: 31 ott '16
Località: Cascina (PI)
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda PomAnt » 19/06/2017, 20:21

Non gli fornisco più cibo, si arrangiano. In pratica ormai sono selvatiche, ma gradiscono la loro vecchia casetta come incubatrice... cosa molto difficile da ottenere perchè solitamente si trovano meglio in natura che nei nidi artificiali.
Spesso mi chiedo se non abbiano un modo ancora a noi sconosciuto per ottenere del cibo nel nido (tipo muffe o che so io) ma nessuno ha mai avuto nemmeno il sentore di questo.
Secondo me sono almeno 30.000 ma il loro territorio è piccolo: L'albero di olive non offre frutti dolci, non è adatto per l'allevamento di pidocchi, quindi gli resta mezzo albero di nespole giapponesi e 3 metri circa di raggio attorno all'albero. Per me è sempre un mistero.
"L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano."
Blaise Pascal
Avatar utente
PomAnt
moderatore
 
Messaggi: 2774
Iscritto il: 12 mar '11
Località: Trentino
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda MikyMaf » 19/06/2017, 20:28

Be le Lasius emarginatus sono abbastanza adattabili, mangiano di tutto, probabilmente si nutrono degli insetti presenti nel giardino
Avatar utente
MikyMaf
major
 
Messaggi: 1851
Iscritto il: 4 giu '17
Località: Brusaporto (BG)
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda Meant » 15/07/2018, 14:19

Sono ancora vive pe piccole?
◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇◇
~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~KODY~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~
______________________________________________________________________________________________________________________________
Avatar utente
Meant
 
Messaggi: 140
Iscritto il: 26 giu '18
Località: Sicilia
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda PomAnt » 16/07/2018, 13:08

vive e tranquille! :happy:
quest'anno non hanno usato la casetta come incubatrice, se ne vedevano poche in giro, ma quando sono state chiamate in causa sono uscite dal nido ( sempre alla base dell'albero) a migliaia.
Direi che hanno definitivamente preso il loro posto in giardino! :tick:
"L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano."
Blaise Pascal
Avatar utente
PomAnt
moderatore
 
Messaggi: 2774
Iscritto il: 12 mar '11
Località: Trentino
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda PomAnt » 18/04/2021, 10:48

rispolvero questo vecchio diario aggiornandolo.
Negli ultimi 2 anni la colonia sembra essersi ridotta di numero, forse a causa degli scontri con le Lasius niger attorno, forse per la zona del giardino dove le ho artificialmente insediate che, non avendo una forte esposizione al sole, favoirisce le rivali che sembrano adattarsi meglio a zone di penombra/umidità. Comunque potrebbe essere anche un possibile esito normale degli scontri tra colonie che anche in natura porta alla loro sparizione.
Fattostà che fin'ora, pur avendo visto qualche Lasius niger pattugliare il giardino, di Lasius Emarginatus nemmeno l'ombra...comincio a preoccuparmi... :unsure:
Se non le vedo entro 2/4 settimane credo che la fine di questa intrigante e bellissima esperienza sia arrivata al punto finale. :roll: Resto comunque grato per questa esperienza che mi emoziona ancora, soprattutto nel rivedere le foto impressionanti con migliaia di bozzoli che avevano deciso di "incubare" sull'albero. :love2:
"L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano."
Blaise Pascal
Avatar utente
PomAnt
moderatore
 
Messaggi: 2774
Iscritto il: 12 mar '11
Località: Trentino
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda entoK » 18/04/2021, 22:00

Spiace se fosse così, ma in passato io ho avuto la sensazione che anche colonie mature e grandi che potevo controllare nel giardino potessero scomparire più in fretta di quanto credessi: anche nel giro di un anno. Magari per cause come parassiti (acari e scorribande di parassiti sociali) o spesso senza segni di declino semplicemente la primavera successiva non si trovano più nel nido (banale polidomia?), il micro ecosistema sotto questo aspetto mi è sempre sembrato molto mutevole.
Avatar utente
entoK
moderatore
 
Messaggi: 2108
Iscritto il: 26 set '11
Località: Val Parma - Emilia
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda MikyMaf » 18/04/2021, 23:31

entoK ha scritto:Spiace se fosse così, ma in passato io ho avuto la sensazione che anche colonie mature e grandi che potevo controllare nel giardino potessero scomparire più in fretta di quanto credessi: anche nel giro di un anno.

Questa cosa l'ho notata pure io, in questo caso proprio con Lasius emarginatus: una colonia enorme che aveva controllato per anni una grossa porzione del mio giardino è sparita nel corso di qualche mese, dopo aver fatto sciamare decine e decine di regine e maschi continuamente per una settimana (il che mi faceva pensare che fosse matura e in salute...).
Avatar utente
MikyMaf
major
 
Messaggi: 1851
Iscritto il: 4 giu '17
Località: Brusaporto (BG)
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda Simo10 » 19/04/2021, 18:45

Pure a me, prima avevo solo nel mio giardino 5 colonie di Tapinoma da in totale um centinaio di migliaia di formiche anche se fossero colonie diverse e dopo quest’inverno ne vedo solo poche decine in giro, ho provato ad alzare il sasso dove sotto vivevano ( non per altro ma per controllare che non fossero schiattate tutte ) e ne ho trovate solo poche decine con tantissima covata e con il corpo della loro regina!
Cambiano così in fretta!
Colonie in allevamento
Tetramorium sp. 70 (circa) operaie e tantissima covata ( link del diario ) viewtopic.php?f=19&t=16889&p=175981#p175981
Temnothorax sp. 100 operaie e una regina e tante uova e una cinquantina di mini larve.
Camponotus barbaricus 5 operaie 4 larve e un uovo
Pheidole pallidula 5 operaie
Lasius flavus 7 operaie
Regine in fondazione
Crematogaster scutellaris 15 uova 2 larve e una pupa
Myrmica scarabinodis ☠️
Solenopsis fugax con qualche uovo
Regine/colonie che posso scambiare
Solenopsis fugax
Regine cedute o scambiate
In cerca di (scambio con specie in firma)
Cataglyphis Italica
Avatar utente
Simo10
larva
 
Messaggi: 146
Iscritto il: 7 mar '21
Località: Gorgonzola (MI) Lombardia
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda PomAnt » 25/04/2021, 19:40

eh si, misteri della Natura. Posso anche ipotizzare che da 1-2 anni abbiano subito un danno dalla rete che ha messo mio suocero attorno al giardino, dietro la siepe. L'erba sicuramente ne ha risentito perdendo anche la poca luce solare che passava tra le foglie della siepe. Magari è stato un cambio fatale anche per le Lasius emarginatus.
Oggi ho visto delle Lasius niger che prendevano possesso dell'albero, credo che questa bella avventura per cui sono comunque grato finisca quì.
"L'ultimo passo della ragione, è il riconoscere che ci sono un'infinità di cose che la sorpassano."
Blaise Pascal
Avatar utente
PomAnt
moderatore
 
Messaggi: 2774
Iscritto il: 12 mar '11
Località: Trentino
  • Non connesso

Re: Lasius emarginatus: ex-semi-cattività (diario di PomAnt)

Messaggioda Simo10 » 25/04/2021, 20:25

Noo, mi dispiace molto, era bellissimo leggere questo diario!
Colonie in allevamento
Tetramorium sp. 70 (circa) operaie e tantissima covata ( link del diario ) viewtopic.php?f=19&t=16889&p=175981#p175981
Temnothorax sp. 100 operaie e una regina e tante uova e una cinquantina di mini larve.
Camponotus barbaricus 5 operaie 4 larve e un uovo
Pheidole pallidula 5 operaie
Lasius flavus 7 operaie
Regine in fondazione
Crematogaster scutellaris 15 uova 2 larve e una pupa
Myrmica scarabinodis ☠️
Solenopsis fugax con qualche uovo
Regine/colonie che posso scambiare
Solenopsis fugax
Regine cedute o scambiate
In cerca di (scambio con specie in firma)
Cataglyphis Italica
Avatar utente
Simo10
larva
 
Messaggi: 146
Iscritto il: 7 mar '21
Località: Gorgonzola (MI) Lombardia
  • Non connesso

Precedente

Torna a Lasius

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 13 ospiti