Storia di una colonia di Messor capitatus

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda Danius » 30/07/2012, 15:18

magistrale diario, oggi inizierò a dare forma ad un nido per la colonia più numerosa, con 10 operaie proprio di Messor capitatus, ma il numero cresce rapidamente, e non potevo trovare di meglio, comlimenti!
-
Avatar utente
Danius
uovo
 
Messaggi: 13
Iscritto il: 25 apr '12
Località: Trento
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda Alejet » 27/08/2012, 0:36

Semplicemente meraviglioso! Questa sera l'ho passata a leggere tutto il tuo diario... Che dire... Complimenti!!! Per neofita come me sembra una cosa impossibile da ricreare....
Regine quest'anno se ne sono formate?
Colonie in allevamento:
Messor sp con 22 operaie, 6 pupe, molte larve e uova
Avatar utente
Alejet
uovo
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 25 ago '12
Località: Como
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda GianniBert » 02/09/2012, 19:50

Nonostante segni di ripresa di salute della colonia, in questa estate torrida, pupe di regine io non ne ho viste.

Come già detto, la covata e la colonia avevano sofferto una crisi di umidità e freddo eccessivi fino a maggio inoltrato; finalmente il caldo estivo milanese ha preso il sopravvento, e dove altre colonie hanno sofferto i 30-36 e più gradi afosi della città, Messor ne ha approfittato per riprendersi e lanciare una nuova offensiva riproduttiva.
Da almeno un mese la situazione della colonia è la seguente, con una quantità di covata notevole e le operaie che bottinano in abbondanza.

Spoiler: mostra
9-1 messor covata 01.JPG


9-1 messor covata 07.JPG


Qui possiamo vedere che il bisogno proteico le spinge ad accettare cibi insoliti, come il wurstel!

Spoiler: mostra
9-1 messor covata 06.JPG


Mi aspetto quasi un raddoppio della popolazione rispetto alla primavera.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4289
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda feyd » 02/09/2012, 19:55

Gianni la quantita di pupe fa impressione complimenti vivissimi :clap: :clap:

Forse è ancora presto per le regine e quella di quest'anno era solo l'avanguardia di quello che succedera il prossimo, anche perche sarebbe strano se accadesse in modo completamente improvviso.
Avatar utente
feyd
moderatore
 
Messaggi: 5708
Iscritto il: 7 lug '11
Località: campagnano(RM)
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda Robybar » 15/10/2012, 16:00

Questa colonia mi piace ogni volta di più!
Inutile continuare a farti i coplimenti su come hai tirato su questa famigliola.
La regina come sta?
Si gode la sua colonia?
Spoiler: mostra
Camponotus aethiops (fondazione)
Camponotus nylanderi (fondazione)
Crematogaster scutellaris (fondazione)
Pheidole pallidula
Messor wasmanni x2
Lasius cfr emarginatus (fondazione)
Robybar
major
 
Messaggi: 1781
Iscritto il: 16 set '11
Località: Catanzaro lido
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda AntMattia » 28/01/2013, 18:06

Avevo gi letto il tuo diario, ma mi è ricapitato sotto e posso dire che tu abbia una di quelle colonie a cui tutti aspirano!! Immagino quanta fatica ti sia costata!.. Bhè adesso come stanno? Se hai tempo caricheresti qualche foto del formicaio e della loro sistemazione? Grazie! :D
Avatar utente
AntMattia
uovo
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 14 nov '12
Località: Sassuolo[MO]
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda GianniBert » 28/01/2013, 18:20

Appena possibile caricherò nuove foto e un aggiornamento del mio diario.
La colonia sta bene, ma non ci sono grandi novità da raccontare, non mi piace scrivere post tutti uguali dove dico sempre le stesse cose.
Se non ci sono sviluppi particolari, in bene o in male, non aggiorno il diario, se no in 8 anni avrei riempito una enciclopedia.
Non so nemmeno più quante possano essere le operaie, perché ci sono crescite e cali ciclici, e d'estate subiscono perdite (l'attacco di quest'anno delle Camponotus vagus, le disperse quando le lascio libere sulla finestra...); sono migliaia, ma vorrei vedere se la primavera porterà novità.
La scorsa c'era stata la nascita di alcune regine, poi uccise dalle operaie, questa prossima...
Posso solo dirvi che nonostante gli accorgimenti presi, stanno scavando nel gasbeton una galleria, esattamente dove pensavo lo avrebbero fatto; questo mi ha permesso di non preoccuparmi: ci vorranno ancora mesi perché lo scavo diventi un problema, e per allora le avrò lasciate in libertà come al solito, ma per l'autunno dovrò preparare un nuovo nido.
Sì, tenere questa colonia ha dato grandi soddisfazioni ma richiede anche un certo lavoro... Come tutte le colonie mature, è un organismo vivo ed esigente!

IMG_1065.JPG
La colonia... "ora” Ma non rende l'idea.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4289
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda Bremen » 28/01/2013, 18:36

Gianni potresti dire le misure del formicaio? In foto non si capiscono le proporzioni e sembra una cosa gigante!
In fondazione:
Solenopsis sp.
Piccole colonie:
Camponotus cruentatus
Lasius (Lasius)
Camponotus sp. ( probabile C. barbaricus)
Avatar utente
Bremen
major
 
Messaggi: 2448
Iscritto il: 20 mar '12
Località: Bilbao, Spagna
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda GianniBert » 28/01/2013, 18:49

Le misure sono alle pagine precedenti, comunque 60 x 25 (più l'arena ovviamente).
Non è così grande, davvero.
Qualche utente ne ha progettati sicuramente di più grandi (ma poi li ha riempiti? Eh, eh!).
Il problema non è costruirli GRANDI, è spostarli DOPO.
Se avete una stanza apposta, potete farli enormi! Con formiche giganti e agili come Camponotus vagus li riempite in 3 anni. Ma poi?
Se dovete spostarli?
Io lo faccio continuamente...

Comunque se cliccate sull'immagine, dovreste poterla vedere ingrandita... tenete presente che quando le formiche sono ferme, sembrano molto meno numerose della realtà. Sono tutte rintanate sul fondo o appese ai soffitti.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4289
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda AntMattia » 28/01/2013, 19:01

Wow è stupendo! Davvero mille complimenti! Immagino che il tunnel di cui parlavi è quello in basso a destra! :lol: si sono date da fare!
Avatar utente
AntMattia
uovo
 
Messaggi: 48
Iscritto il: 14 nov '12
Località: Sassuolo[MO]
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda GianniBert » 28/01/2013, 19:11

Hanno cominciato a lavorarci verso ottobre...
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4289
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda ChAoS » 14/03/2013, 3:51

Complimenti davvero!!É più di un ora e mezzo che leggo il tuo diario e i commenti!.non c e che dire,è incredibile ho imparato un sacco di cose grazie a te :D mi consiglieresti queste formiche per cominciare??ma le major sono come delle soldato??
In fondazione:
Camponotus vagus:Regina + 10 operaie+ covata
Tapinoma sp.: Regina+17 operaie
Lasius emarginatus:Regina+30 operaie
Crematogaster scutellaris:Regina+ 9 operaie
Crematogaster scutellaris x2
Crematogaster sordidula
Messor wasmanni x2
Messor capitatus x3
Solenopsis fugax:Regina+covata
Altri:
Euscorpius flavicaudis Diario
Lycosoides coarctata Diario
Avatar utente
ChAoS
minor
 
Messaggi: 677
Iscritto il: 27 feb '13
Località: Gallipoli[Lecce],Puglia
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda winny88 » 14/03/2013, 4:18

Scusa se ti rispondo io prima di Gianni che sicuramente la sa più lunga, però stanotte ho ben poco da fare :yellow: :) . I Messor sono un buon genere per iniziare, non particolarmente difficili, abbastanza veloci nella crescita della colonia e soddisfacentemente grandi.

Quando le operaie sono divise in caste morfologiche, si suole dividerle in operaie minori (o minor) e maggiori (o major) con spesso taglie intermedie (indicate spesso come "medie"). In alcuni casi le operaie maggiori vengono chiamate soldati, anche se la differenza tra le 2 diciture non è sempre rilevante e spesso i 2 termini sono interscambiabili. Di solito si preferisce chiamarli soldati in quelle specie dove oltre ad una netta differenza morfologica, questi individui ricoprono spesso mansioni un po' diverse dalle altre operaie (prediligendo proprio la difesa o l'attacco agli altri compiti, che pur a volte vengono ricoperti).

Visto che tutte le caste di operaie di Messor sono intente più o meno al foraggiamento (magari le maggiori oltre a questo hanno il compito di rompere i semi) si suole distinguerle in minor, medie e major. Come specie in cui di solito si parla tipicamente di soldati ti indico Pheidole spp. e Camponotus truncatus (puoi cercare immagini su :google: ). Noterai che i soldati non sono solo più grossi, ma hanno anche una morfologia completamente diversa (oltre, come detto, ad avere compiti principalmente, ma non totalmente, bellici o difensivi) :smile:
Avatar utente
winny88
major
 
Messaggi: 8804
Iscritto il: 23 giu '12
Località: Napoli Vesuvio
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda GianniBert » 14/03/2013, 9:27

Grazie per i complimenti.
Winny ha già detto tutto in proposito di minor, major ecc.
Messor è una specie tutto sommato facile, solo soggetta ad agitarsi per le vibrazioni, cosa a cui, comunque, può abituarsi.
Anche io, agli inizi, avevo deciso di tentare con questa formica proprio in virtù del polimorfismo delle sue operaie. E' una delle poche specie nelle nostre regioni a manifestare una scala così ampia di variabilità, oltre al fascino dell'accumulo di riserve di cibo.

Non è la specie più rapida e prolifica nella crescita: un po' di pazienza all'inizio la richiede, ma poi accelera, e come hai letto, da' ampie soddisfazioni.
La scarsa aggressività la rende meno elastica nei comportamenti che il Genere Formica, o le altre Myrmicine in generale, come Myrmica sp., o Pheidole, ma è compensato dalle dimensioni anche notevoli, che la rende facile e bella da osservare.
E' anche semplice da gestire per umidità e temperature.
Spoiler: mostra
Messor barbarus - Camponotus vagus - Camponotus cruentatus - Camponotus barbaricus - Lasius fuliginosus - Plagiolepis pigmaea - Camponotus claripes - Lophomyrmex - Pheidole fervens - Diacamma longitudinale - Myrmecia vindex
Avatar utente
GianniBert
moderatore
 
Messaggi: 4289
Iscritto il: 15 dic '10
Località: Milano
  • Non connesso

Re: Storia di una colonia di Messor capitatus

Messaggioda atta97 » 21/04/2013, 19:25

Mi associo ai complimenti degli altri utenti! :clap: :clap:
Rileggo questo diario ogni volta che non ci sono nuovi post interessanti :wacko:
Quest'anno la colonia sta crescendo degli alati, o è ancora presto per capirlo?
Messor Capitatus (grazie ane_demi!)
firma aggiornata 20/02/2017
Avatar utente
atta97
uovo
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 25 ago '12
  • Non connesso

PrecedenteProssimo

Torna a Messor

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 12 ospiti